Bibliocrime: il crimine tra letteratura e realtà – 26 aprile h. 16

Il piacere di leggere.
Il piacere di leggere.

Sabato 26 aprile 2014 dalle 16 alle 18 alla biblioteca di Baranzate (Mi) c’è Bibliocrime: il crimine tra letteratura e realtà. Un viaggio attraverso il crimine, una scena del crimine e delle impronte da rilevare.

Il viaggio attraverso cui il pubblico sarà guidato prenderà le mosse da qualcosa di classico: Edgar Allan Poe e poi Agatha Christie e sir Arthur Conan Doyle con i loro personaggi ancora vivi e attuali a raccontarci di come il genio non abbia bisogno di aiuto per risolvere un crimine.

Ci si sposta nel tempo e nello spazio per indagare i modi di fare indagine e, perché no, anche quelli di commettere un omicidio dai primordi ai giorni nostri.

Fino all’analisi del fenomeno serial killer.

Quanti sono i serial killer? Davvero sono solo americani? Come si comportano? Cosa fanno? E come è possibile prenderli? La parte finale è dedicata al profiling ovvero alla scienza comportamentale con un occhio di riguardo ai saggi di Paul Ekman sulle espressioni facciali e la menzogna.

Al termine della conferenza il pubblico potrà accedere alla scena del crimine allestita in biblioteca, potrà fare congetture su cosa sia successo alla vittima e su chi possa essere stato il colpevole e perché. Chi vorrà potrà cimentarsi nel compito di rilevare le impronte digitali.

Biblioteca “Il Quadrato” – via Trieste 23 – Baranzate dalle 16 alle 18

Ingresso libero

 

2 pensieri su “Bibliocrime: il crimine tra letteratura e realtà – 26 aprile h. 16”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.