misericordia milano rubare un'ambulanza

Rubare un’ambulanza: perché?

Rubare un’ambulanza è un gesto che va al di là del semplice furto di un bene.

È successo nelle prime ore del mattino del 10 aprile a uno dei mezzi di Misericordia Milano.

Il mezzo non è stato rubato, ma ci sono evidenti segni del tentativo di furto: compreso il fatto di aver manomesso il blocco dell’accensione.

Ma perché rubare un’ambulanza?

Il governatore di Misericordia Milano, Paolo Brasca, dice che “da qualche tempo ci sono persone che si sentono disturbate dalla nostra presenza in quartiere”.

Il blocchetto di accensione manomesso.
Il blocchetto di accensione manomesso.

Misericordia Milano ha sede nel quartiere Gratosoglio, periferia sud della città, e in genere il rapporto con la cittadinanza è buono.

“Piccoli atti vandalici, come il furto delle luci stroboscobiche blu inserite nei paraurti del muso dell’ambulanza, o i barattoli di yogurt versati sui cofani di tutte le auto, ci fanno pensare che qualcosa non vada” dice Brasca.

Rubare un’ambulanza, un’analisi

Rubare le luci stroboscobiche dai paraurti fa pensare più a un loro riutilizzo che a un atto vandalico.

Se fosse stato un messaggio, sarebbero state rotte. Tutte quante. Ma rubarle, non è un messaggio.

Quasi certamente qualcuno le ha prese, rubate, per customizzare qualcosa. O per tenerle.

Diverso il caso dei cibo a sporcare i mezzi: quello è un messaggio.

Rubare un’ambulanza o provarci, invece, è tutt’altra cosa.

Uno dei mezzi di Misericordia Milano.
Uno dei mezzi di Misericordia Milano.

A cosa serve rubare un’ambulanza?

Rubare un’ambulanza può servire a diversi scopi, ma non certo “a trasportare un divano” come ci dice Paolo Brasca.

Un mezzo di emergenza con i dispositivi accesi è nascosto in pieno sole: può servire per passare caselli autostradali, posti di blocco, il traffico della città.

Nel vano sanitario si può nascondere qualcuno. Un carcerato evaso o un latitante, per esempio.

O qualcosa. Armi, droga, refurtiva: qualcosa che non deve essere trovato.

E il terrorismo?

“Rubare un’ambulanza”, dice il coordinatore tecnico settore dipendenti, Attilio Quadri, “potrebbe essere utile per poi lanciarla sulla folla”.

E il dubbio, in effetti, è venuto anche riguardo a questo aspetto.

Un’ambulanza che viaggia con le sirene e i lampi accesi può andare ovunque.

Certo non può oltrepassare ad alta velocità le barriere new jersey che sono state posizionate in centro, ma può comunque usare i varchi per entrare in piazza del Duomo, per esempio.

“Nessuno controlla un’ambulanza che passa le barriere” dice ancora Quadri. “Fino a questo momento l’ambulanza può passare ovunque, senza giustificazioni”.

Il tentato furto dell’ambulanza, già denunciato all’autorità, ha lasciato molte perplessità.