Archivio

Posts Tagged ‘cristina brondoni’

Bibliocrime – 15 maggio h. 21 – Biblioteca di Busnago

14 maggio 2015 2 commenti

bibliocrime busnagoCari tutti, come state?

Il 15 maggio dalle 21 alla biblioteca di Busnago (MB) c’è Bibliocrime.

Si tratta di un viagio nel crimine attraverso la letteratura con un occhio alla realtà e uno alle serie tv e al cinema.

E, pare, ci saranno delle sorprese.

Vi aspetto!

Cristina

Corso di Profiling – Milano 16 e 17 maggio 2015

Il profiling in ambito lavorativo può evitare le coltellate (soprattutto e per fortuna, figurate) nella schiena.

Il profiling in ambito lavorativo può evitare le coltellate (soprattutto e per fortuna, figurate) nella schiena.

Si terrà a Milano il 16 e 17 maggio il Corso di Profiling.

Elaborare un profilo criminale, di solito, è cosa vista in tv e al cinema. In realtà il profiling può essere utile nella vita quotidiana, anche se non si è a caccia dell’ennesimo serial killer.

La finalità del corso è offrire ai partecipanti le basi per tracciare un profilo che possa essere utile nella vita di tutti i giorni e sul lavoro. Il corso è particolarmente adatto per psicologi, psichiatri, giornalisti, insegnanti, selezionatori del personale, headhunters e per chi desidera provare a identificare in tempi brevi il proprio
interlocutore.

Programma 

Sherlock Holmes.

Sherlock Holmes.

Che cos’è e come nasce il profiling
A cosa serve il profiling
Il criminal profiling
Case history
Persone, storia e tecniche del profiling
Evoluzione del profiling: dai serial killer ai manager aziendali
Unire i puntini
Non solo serial killer
Applicazione del profiling nella vita di tutti i giorni
Dal curriculum vitae al profiling
Chi sei? Tracciare il profilo di chi non si conosce
Indizi, comportamenti e dettagli
Esercitazioni pratiche: tracciare un profilo partendo da un cv

Informazioni 

Il corso si tiene sabato e domenica 16 e 17 maggio 2015
via Settembrini 40 a Milano ( MM2 Centrale oppure Caiazzo )
Studio Psicologia e Yoga – 1 piano

16 Maggio 2015 h. 14-19
17 Maggio 2015 h. 10-15

Docente
Cristina Brondoni – Criminologa e giornalista

Costi
215 euro a partecipante.  Sono previste riduzioni per iscrizioni di più persone a partire da 2 partecipanti (se porti un amico c’è lo sconto per entrambi, insomma).

Negoziazione, anti stalking e sicurezza: i corsi di agosto a Milano

Situazioni complicate in ufficio.

Situazioni complicate in ufficio.

Agosto è un mese un po’ strano: molti, moltissimi lasciano casa e lavoro per godersi le meritate vacanze. Ma c’è anche chi resta in città, Milano, in questo caso. Ed è nata così l’idea dei corsi del Crime Studies Lab: alla sera, in compagnia e con un mini rinfresco a fine serata per chi ha voglia di fermarsi a scambiare due parole.

Lavoro, evitare la frustrazione e imparare la negoziazione

Mercoledì 6 agosto 2014 h. 20 – 23

Il sottotitolo di questo corso potrebbe essere “Come lavorare con un capo tiranno e colleghi antipatici e vivere felici”. Il corso infatti propone ai partecipanti le opzioni per evitare “l’ultima spiaggia”, ovvero di dover lasciare il proprio posto di lavoro.

In tempo di crisi, infatti, per molti potrebbe rivelarsi impresa complicata quella di trovare un nuovo lavoro. Grazie alla negoziazione, al linguaggio verbale e non verbale e alle strategie d’uscita da situazioni complicate è possibile migliorare la propria vita lavorativa (e, a volte, anche quella degli altri)

Il corso è aperto a un minimo di 7 e un massimo di 20 partecipanti.

Programma

– Lavoro e frustrazione: quale connessione
– Lavorare per sé, lavorare per altri
– Dinamiche di gruppo: a che gioco giochiamo
– Quando è possibile cambiare lavoro
– La negoziazione in ambito lavorativo

Romanticismo 2.0

Romanticismo 2.0

Social network, incontri e sicurezza

Martedì 12 agosto 2014  h. 20 – 23

In questo caso il sottotitolo potrebbe essere: “Come tenere al sicuro se stessi, i propri amici e la propria famiglia”. Di persona, come sui social network, si cerca di mostrare il lato migliore. Ma quali sono i segnali che potrebbero mettere in guardia in fatto di sicurezza? Davvero è così facile cadere vittima di malintenzionati?

Una “lettura” critica dei profili dei social network per imparare a riconoscere menzogne grandi e piccole in modo da poter valutare i rischi per noi e per chi ci sta vicino.

Il corso è aperto a un minimo di 7 e un massimo di 20 partecipanti.

Programma

– I maggiori social network e i loro target
– Minori e social network: il mostro dietro lo schermo
– Il linguaggio social: menzogne e verità
– Incontri virtuali e incontri reali: quando fidarsi, quando no
– Navigare sicuri: alcune possibilità

Chi è vittima di stalking spesso si sente (ed è) in gabbia.

Chi è vittima di stalking spesso si sente (ed è) in gabbia.

Stalking: che cos’è e come evitarlo

Mercoledì 20 agosto 2014  h. 20 – 23

Avere qualcuno che offre attenzioni indesiderate può essere invalidante per una vita serena, oltre che decisamente pericoloso.

Ma cos’è lo stalking? Dove nasce? Chi è lo stalker?

Il corso offre le nozioni fondamentali per riconoscere (ed evitare) lo stalker oltre a dare indicazioni su come affrontare situazioni già in essere.

Il corso è aperto a un minimo di 7 e un massimo di 20 partecipanti.

Programma

– Stalking: storia ed evoluzione
– Lo stalker: chi è, come si comporta, quali sono i tipi di stalker
– Vittimologia: chi sceglie lo stalker e perché
– Come evitare gli stalker
– Come uscire da situazioni di stalking

Sede dei corsi: Milano sud

Costi : 1 corso 40 euro , 2 corsi 75 euro, 3 corsi 100 euro

Per ulteriori informazioni o iscrizioni inviare una mail a: crimestudieslab@gmail.com

Docente

Cristina Brondoni, giornalista e criminologa, laureata in lettere e in criminologia applicata per l’investigazione e la sicurezza. Perfezionata con un master di secondo livello in criminologia forense.

Si occupa di profiling e menzogna. Seleziona personale ed è consulente per comportamenti scorretti in ambito lavorativo. Scrive per una rivista di armi (oltre che per il suo blog) occupandosi principalmente del rapporto del crimine tra tv e realtà.

E’ docente per Centro Studi Scena del Crimine.

E’ ospite di TgCom24 e Top Secret in veste di esperta di profiling e criminologia.

Bibliocrime: il crimine tra letteratura e realtà – 26 aprile h. 16

26 aprile 2014 2 commenti
Il piacere di leggere.

Il piacere di leggere.

Sabato 26 aprile 2014 dalle 16 alle 18 alla biblioteca di Baranzate (Mi) c’è Bibliocrime: il crimine tra letteratura e realtà. Un viaggio attraverso il crimine, una scena del crimine e delle impronte da rilevare.

Il viaggio attraverso cui il pubblico sarà guidato prenderà le mosse da qualcosa di classico: Edgar Allan Poe e poi Agatha Christie e sir Arthur Conan Doyle con i loro personaggi ancora vivi e attuali a raccontarci di come il genio non abbia bisogno di aiuto per risolvere un crimine.

Ci si sposta nel tempo e nello spazio per indagare i modi di fare indagine e, perché no, anche quelli di commettere un omicidio dai primordi ai giorni nostri.

Fino all’analisi del fenomeno serial killer.

Quanti sono i serial killer? Davvero sono solo americani? Come si comportano? Cosa fanno? E come è possibile prenderli? La parte finale è dedicata al profiling ovvero alla scienza comportamentale con un occhio di riguardo ai saggi di Paul Ekman sulle espressioni facciali e la menzogna.

Al termine della conferenza il pubblico potrà accedere alla scena del crimine allestita in biblioteca, potrà fare congetture su cosa sia successo alla vittima e su chi possa essere stato il colpevole e perché. Chi vorrà potrà cimentarsi nel compito di rilevare le impronte digitali.

Biblioteca “Il Quadrato” – via Trieste 23 – Baranzate dalle 16 alle 18

Ingresso libero

 

Piccoli banali incidenti – Il primo libro fiction di Cristina Brondoni

28 febbraio 2014 2 commenti

cover finale giovanniMilano, 28 febbraio 2014

Giovanni ha da poco passato la quarantina, ha un posto fisso in un call center e vive nella casa che è stata di sua nonna. Dopo anni di studi e una laurea in filosofia è incastrato nel loculo dell’azienda rapace per cui lavora, infastidito dai soprusi dei clienti sempre più incattiviti e maleducati.

Ed è infastidito anche dal sistema adottato dalla compagnia telefonica per cui lavora: sfiancare il cliente e fare in modo che resti cliente. Che lo voglia o meno.

Giovanni è vittima di attacchi di ansia che lo colgono quando meno se lo aspetta e la sua vita è diventata un inferno. Che cosa può fare? Come può sopportare l’ennesimo cliente che gli dà dell’inetto? Come può continuare a sopravvivere nel clima sempre più teso del call center?

Giovanni troverà un modo tutto suo per sconfiggere l’ansia e per debellare la frustrazione. Un modo che poco o niente ha che fare con la terapia e con i farmaci. Un modo che più che altro sembra un modus operandi.

Cristina Brondoni, giornalista e criminologa, ha pubblicato nel 2013 il saggio Crimini e serie tv – L’omicidio fra piccolo schermo e realtà insieme alla collega Chiara Poli. Da lì ha iniziato a meditare su uno spettatore un po’ sui generis e ne è nata la storia di Giovanni.

Piccoli banali incidenti è la fotografia di una generazione. Come ha detto Chiara Poli che ha curato la prefazione del libro “il call center è l’anticamera dell’inferno del Duemila”.

Piccoli banali incidenti è disponibile in ebook presso i migliori store online dal 28 febbraio 2014 al prezzo di 1,99 euro. Su Amazon è qui. Su BookRepublic è qui. Su UltimaBooks è qui.

Check Point Yara Gambirasio – TgCom24 – 20 giugno 2014

Body language, menzogna, profiling e serial killer: i corsi

Al TgCom24. A parlare di crimine.

Al TgCom24. A parlare di crimine.

Li stavate aspettando? Magari no. O Magari sì. Fatto sta che loro, i corsi, sono arrivati! Allora. Andiamo con ordine. I corsi si terranno a Milano (presso Gef Consulting – via Cesare Cantù 3 – con vista sul capolinea del tram 3) e sono quattro (come si evince dall’indizio del titolo) e sono il sabato e la domenica (il sabato dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17 e la domenica dalle 10 alle 15).

Body Language – 8 e 9 febbraio 2014

Il corso è incentrato sul comprendere il proprio modo di comunicare e soprattuttto il modo di comunicare degli altri dal punto di vista verbale e non verbale. Può essere utile in diversi ambiti: familiare, lavorativo. Funziona bene anche se ci si trova nella necessità di negoziare l’acquisto di un libro su una bancarella, volendo.

Menzogna – 22 e 23 marzo 2014

Il corso offre ai partecipanti gli strumenti per individuare e comprendere la menzogna. Di solito chi è un bravo bugiardo riesce a scorgere la menzogna “a istinto”. Chi invece non sa mentire rischia di non accorgersi quando si trova di fronte a una menzogna. Anche in questo caso il corso può essere utile in vari ambiti (anche per trovare il marito ideale, per esempio).

Alessandro Spano, direttore del Centro Studi Scena del Crimine. Sempre al TgCom. Sempre a parlare di crimine.

Alessandro Spano, direttore del Centro Studi Scena del Crimine. Sempre al TgCom. Sempre a parlare di crimine.

Profiling – 8 e 9 marzo 2014

Di solito il profiling lo si conosce per via delle serie tv come Criminal Minds. Il corso è diviso in due parti: una prima parte riguarda il criminal profiling. L’altra parte, invece, è dedicata al profiling nel quotidiano. Può essere interessante in ambito lavorativo (soprattutto per chi seleziona personale).

Serial killer – 22 e 23 marzo 2014

Il corso ha un taglio più scientifico che divulgativo. Di serial killer, infatti, si parla parecchio, ma di solito ci si sofferma soprattutto sul “gossip”. Il corso è incentrato sulla vittimologia, sulle storie di vita degli autori, sulle metodologie impiegate per le indagini e sui casi ancora aperti.

Tutti i corsi prevedono momenti pratici e interattivi e l’impiego di video, fotografie e documentazione per le case history. Alla fine di ogni corso viene rilasciato dall’organizzatore dei corsi Centro Studi Scena del Crimine l’attestato di frequenza.

I corsi sono particolarmente indicati per psicologi, psichiatri, avvocati, giornalisti, insegnanti, appartenenti alle forze dell’ordine.

I costi e agevolazioni

I costi dei corsi: un corso 160 euro, due corsi 250 euro, tre corsi 360 euro, quattro corsi 430 euro
Per iscrizioni entro il 25 gennaio 2014 sono previsti sconti: un corso 130 euro, due corsi 220 euro, tre corsi 330 euro, quattro corsi 400 euro

Per iscrizioni: segreteria@crimesceneinvestigation.it

Crimini e Serie Tv – L’omicidio fra piccolo schermo e realtà

La copertina dell'ebook "Crimini e Serie Tv - L'omicidio fra piccolo schermo e realtà".

La copertina dell’ebook “Crimini e Serie Tv – L’omicidio fra piccolo schermo e realtà”.

Che differenze ci sono fra le indagini condotte dai detective nelle serie poliziesche e la realtà? Come funzionano davvero gli strumenti a disposizione della scientifica di CSI? I serial killer della tv come Dexter Morgan sono simili a quelli che esistono realmente?

A questi e a molti altri interrogativi risponde Crimini e Serie Tv – L’omicidio fra piccolo schermo e realtà, frutto del lavoro di due giornaliste – una criminologa e una specialista del piccolo schermo – che hanno dato vita a un saggio dall’approccio inedito, che unisce competenze diverse per raccontare agli appassionati di telefilm e di indagini i segreti degli sceneggiatori che rivedono le procedure reali per renderle più avvincenti.

Cristina Brondoni, criminologa forense, giornalista per un quotidiano on line, per il mensile Armi e Balistica e per il suo blog tutticrimini, ci racconta come pensano i serial killer, come agisce la scientifica sulla scena di un (vero) crimine, quali trasformazioni subiscono i corpi dopo il decesso e come queste trasformazioni siano fondamentali per supportare il lavoro degli investigatori.

Chiara Poli, giornalista specializzata in serie tv, autrice fra gli altri di Maniaci seriali – Le serie tv e i loro fan e La vita è un telefilm, firma per diversi anni del Magazine on line delle reti del gruppo FOX per Fox Channels Italy, cita gli episodi e le interpretazioni più memorabili e si unisce a Cristina Brondoni nel progetto di restituire un’immagine più chiara delle differenze fra piccolo e schermo e realtà, ma anche dei meccanismi di narrazione che su queste differenze fondano le storie che appassionano milioni di telespettatori in tutto il mondo.

“Crimini e Serie TV” è un viaggio affascinante nel mondo del crimine reale e fittizio, nelle tecniche di investigazione, nella mente dei serial killer della tv e della cronaca nera, nell’attualità dei fatti di cronaca (anche quelli che hanno coinvolto i volti noti del piccolo schermo) e degli “spettatori omicidi”, ovvero gli assassini che hanno dichiarato di essersi ispirati a una serie tv o a un episodio. È un viaggio nella storia dei telefilm, nell’evoluzione dell’omicidio nel genere “principe” della tv, il poliziesco, e nel contributo che questo stesso genere ha dato alle produzioni televisive e cinematografiche che ne sono derivate, alla cultura popolare e all’immaginario collettivo. Con oltre 160 serie tv prese ad esempio (da Dexter a Criminal Minds, da C.S.I. a The Walking Dead, da 24 a Lost, da Perry Mason a Colombo). A tal proposito, solo un’ultima cosa: “Crimini e serie tv – L’omicidio fra piccolo schermo e realtà” è disponibile esclusivamente in ebook dal 24 ottobre presso i migliori store on line, al prezzo di € 3,99. Per acquistarlo su Amazon, clicca QUI.

Il crimine in tv e al cinema: un corso all’Umanitaria

Lo screenshot, giusto per dare un'idea, ecco...

Lo screenshot, giusto per dare un’idea, ecco…

Il corso, in cinque lezioni da due ore l’una, è un viaggio che prende avvio dal giallo e del noir letterario trasposto al cinema e in tv.

Il viaggio si snoda attraverso le diverse declinazioni del crimine e, più in generale del male, con un occhio all’evoluzione in società.
Molti i film e telefilm analizzati. Così come molti i casi reali in un alternarsi tra realtà e finzione.
Un occhio di riguardo allo spettatore e a come si è formato ed evoluto fino ad arrivare ai casi limite di spettatori che, ispirandosi a tv e cinema, hanno commesso crimini.
Per informazioni e iscrizioni si può cliccare qui.

Workshop Stalking – Lacchiarella – 18 aprile h. 20.45

18 aprile 2013 2 commenti

stalking conferenzaCos’è lo stalking, chi sono gli autori, chi sono le vittime.

E, soprattutto, come evitare di rimanere vittima di stalking e cosa fare se, invece, lo si è già.

Il workshop prevede l’analisi di casi pratici per comprendere le dinamiche di coppia che diventano azioni del singolo.

Il workshop è il primo di un ciclo di incontri: Relazioni pericolose.

Il 2 maggio Minori e social network.

Il 16 maggio La rabbia della strada.

Ingresso libero.

Rocca Viscontea – piazza Risorgimento – Lacchiarella

h. 20.45